Ginecologia omeopatica

Ginecologia omeopatica

GINECOLOGIA E MEDICINA NATURALE
Molti disturbi ginecologici possono essere curati con le medicine complementari, da sole o integrate con la medicina classica.
 
I disturbi del ciclo mestruale (dolori mestruali, sindrome premestruale, alterazione del ritmo dall’assenza del mestruo alla sua irregolarità, cefalee e lombalgie mestruali), i disturbi della menopausa e tutti i disordini ormonali, possono essere affrontati efficacemente con la regolazione del metabolismo, la detossinazione, una corretta nutrizione, l'agopuntura e con la prescrizione di rimedi omeopatici, omotossicologici e fitoterapici.
 
Le infezioni genitali, specie se cronicizzate, vengono curate efficacemente con rimedi fitoterapici e omeopatici e una corretta dieta. In questi casi occorre non solo curare le infezioni ma individuare ed eliminare le cause responsabili della resistenza alle terapie classiche, delle recidive e della cronicizzazione.
 
MEDICINA NATURALE: UN PO' DI CHIAREZZA
La Medicina Naturale è una branca ancora poco conosciuta della medicina sulla quale è necessario quindi fare un po' di chiarezza.
Le medicine naturali, conosciute come complementari, oggi sono: l'agopuntura, l'omeopatia, l'omotossicologia e la fitoterapia.
 
La Federazione Italiana degli Ordini dei Medici ai fini della tutela della salute dei pazienti ha confermato che queste medicine possono e devono essere praticate solo dai medici professionisti. 32 Società Scientifiche, Enti e Fondazioni che lavorano nell’ambito delle medicine complementari, riunite a convegno a Vinci (Toscana) l’11 dicembre 2008, hanno consigliato di affidarsi sempre e solo a medici esperti e mai a presunti ricercatori o esperti non laureati in Medicina e Chirurgia.
 
Per questo il nostro consiglio è di non praticare assolutamente l’automedicazione se non per disturbi minori o piccole patologie di breve durata e non usare mai prodotti a composizione sconosciuta o privi di etichetta.
Durante la gravidanza o l'allattamento non usare mai prodotti naturali se non espressamente prescritti dal medico.
Altri consigli: non fidatevi delle vendite su Internet o a domicilio che non diano precise garanzie e non credete alle terapie o ai rimedi miracolosi.
Non abbandonate le terapie convenzionali se non dopo averne discusso con il vostro medico di fiducia.
 
È errato credere che i prodotti naturali (prodotti erboristici, integratori, fitoterapici, omeopatici, omotossicologici), che oltretutto per legge non hanno foglietto illustrativo con avvertenze e indicazioni per l’uso, siano sicuri per definizione: tutti possono provocare reazioni allergiche o possono interagire con altri farmaci.
 
Le attuali Scienze mediche, biologiche, psicologiche e fisiche dimostrano quanto sia complessa l’organizzazione dell’essere umano. Qualsiasi terapia non può prescindere da una diagnosi corretta e dalla conoscenza dei complessi sistemi di regolazione che garantiscono l’omeostasi o meglio l’allostasi, ambito in cui elettivamente agiscono le Medicine Complementari.
 
OMEOPATIA E GRAVIDANZA
La gravidanza è un evento che segna un passaggio fondamentale nella vita di ogni donna. Si parla di un evento lieto, ma spesso accompagnato da timori che partono dal ritardo delle mestruazioni fino alle paure legate alla salute del bambino e agli accertamenti necessari da fare per portare avanti la gravidanza nella maniera più serena possibile. È importante chiedere al proprio medico anche quali sono i farmaci controindicati e quali sono quelli da poter prendere senza creare danni al nascituro.
I farmaci controindicati in modo assoluto sono pochi, e alcuni sono indispensabili per ridurre la morbilità materna e controllare alcune situazioni pericolose per la madre e per il feto come le minacce di parto prematuro, le crisi ipertensive, le gestosi, il diabete gestazionale.
Share by: